venerdì 7 settembre 2007

Lettere da Iwo Jima

Finalmente sono riuscita a vedere “Lettere da Iwo Jima”,il film di Clint Eastwood sul conflitto Giappone-Stati Uniti durante la seconda Guerra Mondiale. Questo film rappresenta la guerra dal punto di vista dei giapponesi in opposizione al primo film, “Flags of Our father”, che invece narra il conflitto dal punto di vista dell’esercito americano.
Il film doveva inizialmente essere distribuito solo in Giappone e arrivare nelle sale americane e europee in dvd. Gli enormi consensi ricevuti ovunque, e il costo relativamente esiguo rispetto al film precedente, l'hanno invece lanciato anche sui nostri schermi, nonostante la scelta indiscutibile di mantenere il parlato originale con sottotitoli. Non si fa fatica a capire il perché: "Lettere da Iwo Jima” , a differenza di "Flags of our father", è un film di guerra "totale" che, oltre al combattimento sul campo, si interessa alla debolezza umana del soldato. Tutto il film si sviluppa sulla scena del campo di battaglia mentre il primo film era ambientato non solo in Giappone ma anche in America per esaltare la contrapposizione dei due scenari. Un film indiscutibilmente bello anche se dopo più di due ore di sangue, violenza e sofferenza sul campo di battaglia, verrebbe voglia di sentirsi raccontare qualche altra storia, magari una storia d'amore che si sviluppi con sfondo la battaglia....ma d'altronde lo scopo del film è quello di descrivere la guerra in maniera vera, cruda senza tanto sensazionalismo hollywoodiano, obiettivo perfettamente raggiunto.

12 commenti:

  1. Credo che andrò a vederlo, in fondo non sempre ci sono film, che mostrano come in realtà è la guerra.

    RispondiElimina
  2. devo vederlo...grazie per il consiglio !

    RispondiElimina
  3. Non so se avrò il tempo materiale per andare a vedermi il film al cinema, ma ti confesso che il tuo post ha suscitato in me parecchia curiosità...

    RispondiElimina
  4. Ho sempre sentito decantare le lodi di questo film..tu mi confermi allora..
    Spero di vederlo al più presto..Buon inizio settimana!
    ;-)

    RispondiElimina
  5. Insomma, L'ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA!!
    Lo devo vedere...spero di trovare il dvd...visto che nelle sale non c'è...
    Ciao un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. @ duhangst & markuzzo: il film non è più nelle sale cinematografiche ma potete vederlo in dvd!

    RispondiElimina
  7. E' un gran film, è la prima volta che vedo un film di Clint Eastwood (per cui non ho visto quello sul punto di vista americano) e ne sono rimasto colpito.
    Ha il pregio di farti vedere cosa è la guerra, senza eroismi come senza esagerare al contrario nelle scene orripilanti. Dopo un pò il solo sentire gli aerei americani che bombardano finisce per scuotere lo spettatore, questo almeno al cinema.
    Vedere che da entrambe le parti ci sono uomini, padri di famiglia, gente che sente l'onore ed il dovere, gente in fondo simile che si uccide per la volontà di un governo, da il vero senso della guerra.
    E' un film che fa male, ma lo fa a fin di bene. Poi si possono fare tutti i commenti che si vuole sulla tecnica di regia, l'uso delle cineprese ecc. ma non è questo credo la parte importante..
    Saluti
    Manlio

    RispondiElimina
  8. Non sono un grande amante dei film di guerra, non so se lo guarderò... Ciao Scorpio79

    RispondiElimina
  9. Non amo molto i films di guerra, mi intristiscono perchè penso che qualcuno ha vissuto quelle tragedie..
    Forse egoisticamente preferisco qualcosa di più leggero..
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. La tua recensione non lascia scampo.
    Nonostante non sia proprio il mio genere, va visto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails