giovedì 26 luglio 2007

La dura vita del pendolare

Tra pochi minuti dovrò ritornare a casa dal lavoro e la sola idea mi fa già star male. Non perché non abbia voglia di tornare a casa dopo una giornata di lavoro. Quello che mi preoccupa è il viaggio. Sì, perché la vita da pendolare non è affatto semplice. Bisognerebbe chiedere i danni morali a Trenitalia perché prima o poi si rischia di prendere l’esaurimento a causa di tutte queste disfunzioni del servizio. Con Trenitalia non sei sicuro di nulla, né di quando parti né di quando arrivi. E adesso che siamo in estate la situazione è peggiorata. I treni sono perennemente in ritardo e si sono pure inventati una scusa: quella dei binari che a causa del surriscaldamento si dilatano. Ma io mi chiedo: alle 7:30 del mattino come fa un binario a essere già così surriscaldato da obbligare il treno a fare dei tratti a 50 km/h e a fermarsi nel bel mezzo della campagna?? A me sembra solo una gran balla. Io credo che Trenitalia consideri tutti i suoi clienti dei cretini. Come quando il treno su un percorso della durata di 1 ora e 10 minuti accumula un ritardo di 1 ora e se si chiede alle FS il rimborso del biglietto, ci si sente rispondere “non è colpa nostra se il treno s’è rotto”. E allora di chi cavolo è?? Chi è responsabile del servizio treni in Italia??
Due giorni fa un rivolo di acqua è incominciato a scendere dal soffitto della carrozza a causa di un guasto dell’impianto di condizionamento dell’aria allagando i sedili. Ieri mi hanno soppresso inspiegabilmente il treno di ritorno. Quello dopo era un treno che sembrava della seconda guerra mondiale, senza impianto di condizionamento aria, con tre carrozze per decine e decine di persone. Abbiamo viaggiato come animali stipati. Uno schifo. Ormai ogni volta che salgo su un treno mi aspetto di TUTTO. Trenitalia ha toccato il fondo. E la cosa che mi fa più arrabbiare è che io devo pagare per un servizio INESISTENTE.

20 commenti:

  1. se ci fosse concorrenza nei trasporti ferroviari, trenitali farebbe la stessa fine di alitalia.

    RispondiElimina
  2. Trenitalia, come la telecom e alitalia è già fallita! Non esistono più, ma le si tiene in piedi lo stesso....
    Però Laura, anche Tu, perché non ti trovi un lavoro vicino a casa tua???
    ;-) eh,eh,eh,eh....
    un abbraccio e....coraggio!!!

    RispondiElimina
  3. Io non viaggio mai col treno, ma il tuo post è allucinante.
    E meno male che Trenitalia ha smesso di fare gli spot in tv, ormai gli italiani hanno smesso di credere alle favole.
    Coraggio Laura, ti sono vicino.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  4. Ci fosse un solo servizi che funziona...per fortuna che almeno il treno lo prendo una volta a decennio...

    RispondiElimina
  5. Ogni volta che si parla male di Trenitalia mi vengono sempre alla memoria i viaggi che io faccio per tornare in Calabria da Torino e ogni volta mi sembra il dialogo finale di Blade Runner: "io ho visto cose...".
    Viaggio di 14-15 ore nei casi buoni fino a 17 se si tratta di un "treno speciale".

    E le condizioni in cui ho viaggiato negli ultimi 5 anni ti posso assicurare che non saranno state migliori del tuo ultimo viaggio.
    Solo su un treno che va al Sud si può vedere tutta l'inefficenza di una società come quella di Trenitalia.

    Quello che ci salva (se si può dire) è che viaggi del genere ne facciamo relativamente pochi. Relativamente ai pendolari ovviamente.

    Ma per tornare al problema Trenitalia ti posso dire che le cose non migliorano sicuramente al Sud :) l'Aria condizionata io non l'ho MAI vista su un treno al Sud :D e anche lì c'ho fatto 5 anni da pendolare per le superiori.

    E' semplicemente tutto da cambiare. I prezzi aumentano da anni ma la qualità a parte alcuni piccoli miglioramenti non va oltre. E chi ci va di mezzo al solito siamo noi cittadini...

    RispondiElimina
  6. quando io dico che odio i treni e i mezzi pubblici in generale e che fosse per me prenderei l'auto anche per andare alla salumeria sotto casa, mi danno sempre dello snob, del viziato.....
    ma che peccato deve scontare un essere umano per essere trattato come ci hai raccontato?

    RispondiElimina
  7. purtroppo c'è un'abitudine tutta italiana di imbrogliare su ogni cosa... Ed i servizi non sono da meno, bah.

    RispondiElimina
  8. I prezzi aumentano e i servizi peggiorano.. Qualche cosa indubbiamente non va!

    RispondiElimina
  9. Anch'io mi sento fortunato a non dover prendere il treno molto spesso. almeno per ora.

    RispondiElimina
  10. Non uso molto i mezzi pubblici, ma a lamentarsi siete in molti.
    Che dire?
    Siamo in Italia. Qui nessuno è responsabile mai di nulla e chi lo prende in tasca se lo tiene..
    Il nosro, è o non è il bel paese??^___^
    Bacioni

    RispondiElimina
  11. io non ho molta esperienza, poiché quando vado e torno da milano prendo il treno svizzero. però, quando ho viaggiato su quelli italiani, posso dire che almeno nella metà delle occasioni ci sono stati problemi... figurati per qualcuno che lo prende tutti i giorni... spero che la situazione migliori prima o poi...

    sei sempre comprensiva, grazie! =)

    baci, buon week end

    RispondiElimina
  12. @ antonio vergara: d'accordissimo con te...

    @ andrea: eh, mi piacerebbe! Credo che sia già tanto se ho trovato un lavoro!

    @ miss dickinson: grazie!

    @ captain's charisma: e fai bene!

    @ carmelo: lo so, al sud la situazione è ancora più disastrata. Purtroppo ho dovuto prendere il treno anche lì...

    @ gds75: sinceramente sarei disposta anche a pagare di più pur avere un servizio che funziona! Viaggiare in treno è comodo, niente stress (ovviamente nell'ipotesi che tutto funzioni) e meno inquinamento!

    @ netstar: mah, io mi continuo a chiedere cosa fanno i dipendenti delle FS invece di lavorare...non tuttyi ovviamente, non voglio generalizzare! Ma c'è una buona fetta che sicuramente non lavora...altrimenti non si spiega...

    @ duhangst: qualcosa? Mi sa proprio TUTTO!

    @ signor ponza: già, una fortuna davvero, credimi!

    @ alicesu: sicuro che crollerebbe subito.

    @ sara sidle: è questo proprio che manca: la responsabilità. Ciao e un bacio!

    RispondiElimina
  13. @ perlinavichinga: certo, anch'io quando prendevo i treni in Svizzera era tutta un'altra cosa! Molto più cari ma almeno efficienti! Buon weekend anche a te!

    RispondiElimina
  14. Forse riesco a cambiare lavoro e trovarne uno schiavistico ma a casa. Penso che a fare il pendolare su lunghe distanze dopo un po' morirei, inevitabilmente...

    RispondiElimina
  15. Era da un po' che non passavo dalle tue parti (perdono..), e ora che ritorno ti trovo di nuovo a lamentarti dei treni! Mannaggia come ti capisco e come non ti invidio per niente! Pensa, i miei sono appena tornati dal Portogallo e hanno detto che lì i treni spaccavano il minuto. Quando sono stato in Marocco ho trovato un servizio perfetto! Sono perfettamente d'accordo con te sul fatto che la situazione sia davvero vergognosa, non capisco come non si riesca a fare nulla per risolverla! Per intanto mi godo questo mese di assenza dai treni.. per me se ne riparlerà da settembre!

    RispondiElimina
  16. Non ti invidio per niente..ma devi viaggiare..porta pazienza...
    ;-)

    RispondiElimina
  17. La vita del pendolare, concordo, non è semplice.
    Se poi si affronta in "compagnia" di TReniItalia bè... diventa un'odissea.
    Forza e coraggio

    RispondiElimina
  18. @ abs: pensa che io faccio un lavoro schiavistico e a kilometri di distanza da casa...il massimo della sfiga...

    @ alessandro: bentornato! Che ci posso fare, il servizio fa sempre più schifo!

    @ angie: sì ma quanta pazienza bisogna avere?? :(

    @ chit: grazie per l'incoraggiamento!!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails