giovedì 13 marzo 2008

Quella nube nera nel cielo su Pechino

Parliamo ancora di ambiente, questa volta legato alle Olimpiadi del 2008. Tutti voi avrete sentito la notizia dell’atleta etiope che ha deciso che non correrà alla maratona di Pechino. A dire il vero questa sua dichiarazione mi fa piacere, non da un punto di vista sportivo, ci mancherebbe altro, io lui manco lo conoscevo prima anche se a detta di tutti è un gran bravo atleta. Mi fa piacere perché mi auguro che serva a smuovere le acque e che anche in Cina incomincino a preoccuparsi un po’ del rispetto dell’ambiente. Tempo fa, se vi ricordate, alcuni meteorologi italiani lanciarono l’allarme riguardante una pericolosa nube nera di enormi dimensione (tant’è che era facilmente visibile dai satelliti) che dalla Cina si stava muovendo verso l’Occidente. Il problema dell’inquinamento a Pechino esiste pertanto da anni. Alcuni amici che ci sono stati mi hanno detto che spesso a Pechino c’è una nebbia fitta che oscura il sole e impedisce di distinguere bene gli oggetti, con un odore orribile. In quei giorni quando si è costretti ad uscire bisogna per forza indossare delle mascherine, anche se le istituzioni invitano comunque a non mettere il naso fuori se non assolutamente necessario. Il livello delle polveri sottili è otto volte superiore a quello che l'Oms considera sopportabile. Vogliamo quindi costringere degli atleti a correre o a fare degli sforzi in generale in condizioni sanitarie così pericolose? Trovo assurdo che questo problema venga fuori solo ora, i cinesi hanno pensato proprio a tutto, persino ai cannoni per impedire che piova e non hanno considerato la possibilità che una nube nera e puzzolente potesse oscurare il cielo durante i giochi?

12 commenti:

  1. Magari per il periodo Olimpico risolveranno temporaneamente questa faccenda.
    Il problema è che finite le Olimpiadi tutto tornerà a tacere come prima.

    RispondiElimina
  2. Io le boicotterei per la Birmania e il Tibet, aggiungici questo non ho capito proprio che andiamo a fare.

    RispondiElimina
  3. che ansia...
    ma imploderanno come un buco nero
    i cinesi prima o poi?

    RispondiElimina
  4. Beh, finalmente una cosa dove l'Italia sta messa meglio... :-)

    Un abbraccio, buona notte! :-)

    RispondiElimina
  5. Il problema è indubbiamente molto complesso e, concordo con te, non si risolve in quattro e quattr'otto e,insisto, sopratutto non si risolve senza uno SFORZO CONGIUNTO di tutti i Paesi che sono chi più chi meno coinvolti.
    Focalizzarsi sulla Cina e sulle Olimpiadi ho come l'impressione che sia una "forzatura" più che un pretesto per parlare di ambiente.
    Spero infinitamente di sbagliarmi!

    RispondiElimina
  6. Molte delle cose di cui discutiamo in occidente probabilmente non sono impostate in modo sincero, ma almeno se ne parla! Di quel che accade in paesi come la Cina, tuttora retta da una dittatura e sorda a qualsiasi tentativo di "libertà espressiva" comunemente concepita, cosa possiamo saperne? Briciole sparse. Abbiamo capito che hanno fame, di tutto, e che faranno di tutto per diventare potenti, molto più potenti di noi. I numeri li hanno gli scrupoli no. Riusciranno a pulire il cielo sopra Pechino durante il periodo delle olimpiadi a qualsiasi costo: ci riusciranno e dopo, ma dopo chi se ne frega!Ma ci sono gli ambientalisti in Cina, organizzati come dalle nostre parti con tanto di cortei e proteste paralizzanti la costruzione di ferrovie, ponti, dighe?

    RispondiElimina
  7. Leggere questo post fa un po' rabbrividire.
    La cosa che mi fa sorridere tristemente,invece, è che i potenti non capiscono che se la terra agonizza, non siamo solo noi poverelli a pagarne le conseguenze..Vogliamo ancora illuderci di avere molto altro tempo per porre rimedio ai nostri sbagli, mentre invece correrei ai ripari ed anche in fretta. Ma gli interessi e il progresso non si fermano..
    Bacioni

    RispondiElimina
  8. Le Olimpiadi mi piacciono particolarmente ma quest'anno ovviamente non ne vedrò un solo minuto, per molti motivi. ;)

    RispondiElimina
  9. i cinesi mi stanno davvero sulle balle!

    RispondiElimina
  10. Le Olimpiadi non si dovevano tenere in Cina. E' una vergogna alla dignità umana.

    RispondiElimina
  11. avrei una proposta da fare. sicuramente hai sentito in questio giorni del tibet. ti propongo di scrivere un post a riguardo per dare la visibilità che merita all’argomento.ovviamente nessuno obbligo è solo una proposta

    RispondiElimina
  12. @ duhangst: non l'ho capito nemmeno io...

    @ chit: non so se sia una "forzatura" oppure no,il problema è che è tutto vero...

    @ kabanna:i cinesi fanno paura, perchè disposti davvero a tutto pur di essere i primi.

    @ antonio candeliere: d'accordissimo con te.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails