martedì 29 aprile 2008

Giornali on-line vs giornali stampati

Beppe Grillo venerdì scorso parlava di libertà dell’informazione italiana a Torino. Un successo, a quanto pare: 120.000 le persone in piazza e migliaia le firme raccolte in tutta Italia. Io non c’ero, ma conosco gente che c’è stata e mi ha confermato che in piazza San Carlo 100.000 persone c’erano tutte. I giornali italiani hanno dimezzato il numero dichiarando al massimo 50.000 persone. Ma non voglio discutere esclusivamente della veridicità delle affermazioni fatte in generale dalla stampa italiana, vorrei piuttosto far notare quanto le edizioni on-line delle maggiori testate giornalistiche italiane (Repubblica, Corriere, La Stampa,…) siano enormemente più cretine delle versioni stampate. Perché le notizie riportate non sono le stesse. Fateci caso: in prima pagina c’è sempre una notizia riguardante qualche donna seminuda. Per esempio in questo momento sul Corriere in prima pagina c’è la Chiabotto mezza svestita. Attenzione, non sto criticando il fatto che venga mostrato un corpo femminile nudo, in internet c’è ben di peggio ed è anche giusto così, ognuno deve avere la possibilità di trovare ciò che vuole in rete. Critico il fatto che testate autorevoli che dovrebbero fare solo informazione, nell’edizione on line diano uno spazio maggiore a notizie frivole e stupide rispetto a quanto accada nell’edizione stampata. Ok, probabilmente hanno più spazio a disposizione per pubblicare più notizie. Ma perché cavoli in prima pagina mi devono mostrare donne semi nude e parlare del nuovo tailleur di Carla Bruni? Incomincio a pensare che considerino i navigatori di internet un gruppo di depravati e assetati di sesso che usano la rete solo per soddisfare le loro fantasie…

14 commenti:

  1. Credo siano le cosiddette notizie CIVETTA, giusto per attirare un po' di lettori....in preparazione al fatto che tra qualche anno, la carta stampata non avrà più molto senso!!

    Un abbraccio, buona notte!! :-)

    RispondiElimina
  2. Beppe parla bene, ma sbaglia nel modo di mettere in atto le cose...

    RispondiElimina
  3. io sono sempre fedele al cartaceo quando proprio non riesco ad andare in edicola mi ritrovo on line a leggere le notizie, ma non mi piace!

    RispondiElimina
  4. Che poi, gura, ma se c'è una di cui proprio non mi interessa assolutamente nulla, quela è proprio la Bruni! .-)

    RispondiElimina
  5. L'informazione in Italia è di basso livello.. E le notizie a mio parere sono abbastanza pilotate, ha ragione Beppe Grillo su questo. Chissà che direbbero oggi Montanelli e Biagi sui alcuni loro colleghi.

    RispondiElimina
  6. Al di la di donne nude, che poi non è che ci attirino oramai più di tanto, ritengo che i giornali raccontino le notizie come più fa comodo all'editore. Questo è il guaio. Ciao

    RispondiElimina
  7. @ colombina: sono d'accordo con te e te lo dice una che non ama un granchè il personaggio di Beppe Grillo.

    @ semplicemente...fra: io i giornali stampati li compro raramente, leggo più spesso quelli degli altri :) comunque è una bella abitudine quella di leggere spesso i giornali cartacei, non bisognerebbe perderla mai.

    @ fabioletterario: uno dei pochi a cui non interessa, a quanto sembra ;)

    @ duhangst: non so se siano pilotate o meno, di sicuro è un'informazione un po' scarsa...

    RispondiElimina
  8. Sembra che le versioni online dei quotidiani più prestigiosi cerchino di raccogliere a tutti i costi visite con culi, tette e notizie scabrose sempre in bella mostra. Ma la gente, se vuole vedere una donna nuda, va su ben altri siti e quello che succede alla fine è che anche La Repubblica o Il Corriere della Sera facciano la figura dei rotocalchi per rincoglioniti...

    RispondiElimina
  9. Il problema è che internet è veramente pieno di depravati, e alla fine vengono pubblicati certi articoli proprio per soddisfare in qualche modo un certo tipo di clientela. Oppure l'addetto della versione on line del giornale è lui il più depravato di tutti. Ciao Scorpio79

    RispondiElimina
  10. Il vero dramma è che poi c'è chi pensa che quelle lì siano le vere notizie... :-S

    RispondiElimina
  11. perchè devono attirare l'attenzione.
    In televisione è pieno di donne nude e seminude, così deve essere su internet.
    Mi chiedo piuttosto se sia così anche negli altri paesi o siamo solo noi un popolo di maschilisti schifosi.

    RispondiElimina
  12. Ormai il business è il fulcro di tutto.Si mette in prima pagina tutto ciò che fa notizia o fa vendere più copie(tipo donne nude,notizie di stupro,etc etc). E' un mondo difficile :P
    Ciao,buon week-end;)

    RispondiElimina
  13. @ paolo: non capisco proprio perché ci sia questa esigenza di sminuire la qualità del giornale a costo di aumentarne i lettori. I lettori dei giornali stampati sono quelli che sono e nessuno (SPERO) si sognerebbe mai di mettere foto di donne nude in prima pagina per aumentare le vendite.

    @ scorpio79: ih! ih! La seconda ipotesi potrebbe essere vera!

    @ chit: già, l'aspetto positivo é che vivono meglio pensando che l'unico problema al mondo sia il colore del tailleur della Bruni...

    @ alicesu: in questo momento la Repubblica riporta in prima pagina una importantissima notizia riguardante Playboy. Non ho trovato traccia di questa notizia sulla homepage di New York Times, Times e Le Figaro....

    @ jack: che tristezza... ciao, buona domenica anche a te!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails