venerdì 11 giugno 2010

Sud Africa vetrina del mondo

Sono incominciati ieri i mondiali di calcio. E fin dalla cerimonia di apertura, si è capito subito che questi non saranno i soliti mondiali. Sarà l'atmosfera gioiosa e colorata, un po' tribale, che rispecchia tanto l'atmosfera africana, sarà che per una volta nella storia il popolo africano si sente sotto gli occhi di tutto il mondo non per un fatto di sangue e tragedia ma per una festa sportiva, fatto sta che ieri nello stadio di Johannesburg non c'erano solo i tifosi impazienti di vedere le proprie squadre giocare, c'era un'intero popolo pronto a riscattare anni di sconfitte. Ma la sorte, si sa, spesso si prende gioco dell'essere umano ed ha voluto che, a questa festa, mancasse lui, chi ha contribuito in primis a portare il Sud Africa fino dove si trova oggi, a liberarlo dal razzismo e dall'odio: Nelson Mandela era infatti assente, a causa di una tragedia che l'ha colpito molto da vicino, la morte in un incidente stradale della bisnipote tredicenne.
E così il destino beffardo ha voluto che l'uomo che ha patito la prigione per la propria Nazione, premio Nobel per la pace nel 1993, l'unico che meritava appieno di godersi questa festa, ieri non potesse festeggiare con il suo popolo. Ieri Mandela però, anche se non c'era fisicamente, era lì, con la sua gente, nello stadio di Johannesburg, per ricordare che il popolo africano è invictus ed ha voglia di dimostrarlo a tutto il mondo.

12 commenti:

  1. Forza Azzurri! Conquisteremo la savana :)))
    Ciaoooo, saluti by me.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo film invictus.
    su mandela che dire, uno dei pochissimi leader carismatici e positivi che ci sono rimasti in questa terra.
    buona giornata :)

    RispondiElimina
  3. Ciao, mi e' dispiaciuto per Mandela, un uomo da cui c'e' così tanto da imparare, un uomo unico, coraggioso, forte.
    Spero che la sua nazione si faccia onore!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  4. Un popolo che ha combattuto e vinto l'apartheid, ma che con i mondiali crea praticamente campi di detenzione per i poveri.. E' anche questo il mondiale sudafricano non solo festa e colori purtroppo.

    RispondiElimina
  5. @ jack: insomma per ora nulla di buono... staremo a vedere il secondo tempo :)

    @ red passion: Invictus è un film molto bello, anche se non il più bello di Eastwood.

    @ Vittoria A.: Anche io lo spero tanto, se lo meriterebbe davvero!

    @ duhangst: non lo metto in dubbio che purtroppo questi mondiali non siano solo rose e fiori, ma sicuramente costituiscono qualcosa di positivo per gran parte del popolo africano.

    RispondiElimina
  6. concordo,
    preferisco million dollar baby e gran torino!
    buona serata :)

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace per Mandela...ma è un grande uomo e riuscirà a supoerare anche questa ultima tragedia!

    RispondiElimina
  8. ma la bandiera dell'italia l'hai appesa???

    RispondiElimina
  9. @ chechi: no...ma per par condicio neppure quella della Svizzera ho appeso!! Ieri comunque qui è stata una grande festa, in tutto il paese, per aver sconfitto la Spagna :-) Nessuno se lo aspettava!!

    RispondiElimina
  10. Pur considerando tutte le possibili fonti di critiche mi corre l'obbligo ancora una volta scindere l'evento sportivo dal contesto sociale, anche perchè mi piace lo sport e fatico al pensiero che NON ESISTA al mondo nazione in grado di ospitare nessun avvenimento sportivo e non.
    Ciò premesso sono stra-felice che si giochino in Sudafrica, che sia un modo come un altro per farli sentire meno "diversi" e parte invece di questo mondo, non solo in tema di sfruttamento e manodopera.

    RispondiElimina
  11. davvero bello quel film..consiglio a tutti di vederlo..

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails